Bibbia Ebraica - Jewish Bible [mp3 Ebr][tnt Village].torrent


Bookmark this torrent
Seeds2
Peers10
Size704.36 MB
Age4 years ago
DateSaturday 17 July 2010
Comments0
CategoryOthers > Audio books
Hashfc1bb54df24d6e8e2742ddd9c84fa3b1c2372200
Reported Fake (0) Password (0) Bad quality (0) Virus (0) Offensive (0) Spam (0) Real Torrent (0)
Bookmark

Description

Bibbia ebraica - Jewish Bible [Mp3 Ebr][TNT Village] [Tntvillage.Scambioetico]

Bibbia ebraica

Jewish Bible

Tanakh




letta da Abraham Shmuelof




Dettagli



Titolo: Bibbia ebraica
Origine: Webrip
Autore: padre Abraham Shmuelof
Numero complessivo dei files: 929 in ebraico, 12 in aramaico
Dimensione complessiva dei files: 704 MB
Formato del file: Mp3
Qualità (Bitrate): 48 – 56 kbps
Anno: non spec.
Lingua: Ebraico biblico
Genere: Religioso




Tracklist



Tracce in ebraico

1. Genesi (50 files)
2. Esodo (40 files)
3. Levitico (27 files)
4. Numeri (36 files)
5. Deuteronomio (34 files)
6. Giosuè (24 files)
7. Giudici (21 files)
8. Samuele 1 (31 files)
9. Samuele 2 (24 files)
10. Re 1 (22 files)
11. Re 2 (25 files)
12. Isaia (66 files)
13. Geremia (52 files)
14. Ezechiele (48 files)
15. Osea (14 files)
16. Gioele (4 files)
17. Amos (9 files)
18. Abdia (1 file)
19. Giona (4 files)
20. Michea (7 files)
21. Naum (3 files)
22. Abacuc (3 files)
23. Sofonia (3 files)
24. Aggeo (2 files)
25. Zaccaria (14 files)
26. Malachia (3 files)
27. Salmi (150 files)
28. Giobbe (42 files)
29. Proverbi (31 files)
30. Rut (4 files)
31. Cantico dei cantici (8 files)
32. Qoelet o Ecclesiaste (12 files)
33. Lamentazioni (5 files)
34. Ester (10 files)
35. Daniele (12 files)
36. Esdra (10 files)
37. Neemia (13 files)
38. Cronache 1 (29 files)
39. Cronache 2 (36 files)



Tracce in aramaico

1. Genesi capp. 31-47
2. Geremia capp. 10-11
3. Esdra cap. 4 vv. 8-24
4. Esdra cap. 5 vv. 1-17
5. Esdra cap. 6 vv. 1-18
6. Esdra cap. 7 vv. 12-26
7. Daniele cap. 2 vv. 4-49
8. Daniele cap. 3 vv. 1-33
9. Daniele cap. 4 vv. 1-34
10. Daniele cap. 5 vv. 1-30
11. Daniele cap. 6 vv. 1-29
12. Daniele cap. 7 vv. 1-28





DESCRIZIONE



La Bibbia ebraica conta 39 dei 46 libri di quello che per i cristiani è l’Antico Testamento. Mancano quindi i cosiddetti testi deuterocanonici e cioè Giuditta, Tobia, Maccabei 1, Maccabei 2, Sapienza, Siracide o Ecclesiastico, Baruc, Lettera di Geremia (corrispondente per i cattolici al cap. 6 di Baruc), Preghiera di Azaria e Cantico dei tre giovani nella fornace (corrispondente per i cattolici a parti di Daniele), Storia di Susanna (corrispondente per i cattolici al cap. 13 di Daniele), Bel e il drago (corrispondente per i cattolici al cap. 14 di Daniele), Ester in versione greca (corrispondente per i cattolici a 93 versetti aggiunti alla versione ebraica ed alcune varianti). I protestanti seguono il canone ebraico, mentre gli ortodossi, oltre ai libri del canone cattolico, aggiungono anche tutti i rimanenti libri della Versione dei Settanta e cioè Maccabei 3 e Maccabei 4, Primo libro di Esdra, Salmo 151, Odi e preghiera di Manasse, Salmi di Salomone.
La Bibbia ebraica è detta Tanach, che è l’acronimo di Torah, Nevi'im, Ketuvim (Torah, Profeti, Agiografi), le tre parti della Scrittura.

• Torah (Legge): Genesi , Esodo , Levitico , Numeri , Deuteronomio
• Nevi'im (Profeti): Giosuè , Giudici , Samuele (I & II) , Re (I & II) , Isaia , Geremia , Ezechiele , 12 Profeti minori
• Ketuvim (Agiografi): Salmi di Davide , Proverbi , Giobbe , Cantico dei Cantici , Rut , Lamentazioni , Ecclesiaste , Ester , Daniele , Esdra - Neemia , Cronache (I & II)

Sono stati composti nel periodo che va dal X secolo a.C. alla metà del II secolo a.C., in ebraico e con alcune infiltrazioni di aramaico, provenienti dalla tradizione orale più o meno prolungata che ha preceduto la formalizzazione degli scritti.
Mentre per i libri della Torah esistono regole ferree che ne garantiscono la corretta copiatura ed il continuo controllo su ogni singola lettera, gli altri testi del canone biblioco ebraico sono stati tramandati anche oralmente almeno fino al V secolo a.C. quando, in corrispondenza con il ritorno in Giudea dei deportati ebrei dall'esilio babilonese, si rivelò cruciale per il popolo d'Israele il passaggio dalla fase orale a quella scritta.
Fino al I secolo d.C. il Sinedrio non avvertì particolare urgenza nel definire chiaramente un canone dei testi sacri poiché i testi maggiormente usati nella liturgia ufficiale erano i 5 testi della Torah e i Salmi. Per gli altri testi non erano necessarie particolari restrizioni o divieti ed il loro uso dipendeva dalla locale. In molte sinagoghe della diaspora tuttavia la Settanta era parte integrante del culto, avendo affiancato ed a volte soppiantato la lettura dei testi in ebraico.
Tale nebulosa ma non problematica situazione mutò radicalmente in seguito al progressivo diffondersi del Cristianesimo, nel corso del I secolo. La nuova religione, che nei primi tempi non si avvertiva come alternativa all'ebraismo ma il suo naturale compimento, adottava la traduzione della Settanta piuttosto che gli originali testi ebraici. La nascente Chiesa inoltre stava componendo lentamente i Vangeli, nuovi testi affiancati nell'uso liturgico ai tradizionali libri di quello che cominciò a chiamare Antico Testamento, e le lettere di alcuni apostoli (soprattutto Paolo), anch'esse usate nella liturgia cristiana.
Queste novità spinsero il Sinedrio a fissare con chiarezza il canone biblico ebraico. In passato gli studiosi ritenevano che ciò avvenne verso la fine del I secolo d.C. Circa le circostanze di tale fissazione, molti studiosi contemporanei concordavano con lo storico giudeo-tedesco Heinrich Graetz, il quale nel 1871 ha ipotizzato che verso la fine del I secolo d.C. si sia svolto nella località palestinese di Jamnia (dicitura inglese; ebraico Yavneh o Yabneh; latino Iamnia) un vero e proprio concilio di rabbini farisei, con lo scopo di riorganizzare la comunità ebraica rimasta orfana del tempio di Gerusalemme, distrutto dai romani nel 70, e della guida della corrente religiosa antagonista dei sadducei, legati ad esso. Contro la tesi di Graetz si sono espressi negli anni '60 gli studiosi Jack P. Lewis, Sidney Z. Leiman e molti altri, che hanno considerato quella del concilio come una mera ipotesi non documentabile con certezza dalle fonti. In realtà tutti gli indizi indicano che il canone ebraico era già chiuso al tempo di Gesù e dei suoi apostoli (Nuovo Dizionario Enciclopedico Illustrato della Bibbia 2005 pag. 164). Giuseppe Flavio, circa 50 dopo la morte di Gesù e all'incirca al tempo del supposto concilio di Jamnia, scrive nel trattato Contra Apionem Presso di noi non si trovano miriadi di libri in contraddizione e in contrasto gli uni con gli altri ma solo 22 libri che descrivono tutto il corso del tempo; a buon diritto essi vengono considerati degni di fede. Ne fanno parte i cinque libri di Mosè...Dalla morte di Mosè ad Artaserse...i profeti postmosaici hanno annotato gli eventi del loro tempo in 13 libri. Gli altri quattro libri contengono canti di lode a Dio...Anche per il tempo che va da Artaserse ad oggi ogni cosa è stata registrata, ma questa descrizione non gode della medesima credibilità di quello che precede, poiché è venuta meno la vera discedenza dei profeti. Giuseppe Flavio aggiunge che fino alla sua epoca i libri degli ebrei sono 22 e nessuno ha osatio aggiungerne altri o toglierne alcuni (CtAp 1,8), ma non elenca i singoli libri, il cui elenco non è determinabile con sicurezza considerata anche la problematica dei libri doppi (tipi I e II Cronache). Se le sue affermazioni sono vere si può affermare che al suo tempo il canone era stato fissato e che comprende 22 libri (contro i 24 libri attualmente nella Bibbia ebraica). Interessante è il fatto che Giuseppe Flavio parla di un canone di tutti i giudei e non solo di una setta religiosa (per esempio i Farisei). I dati forniti da Giuseppe Flavio vengono confermati da 4 Esdra e dal filosofo giudeo Filone contemporaneo di Gesù (De vita contemplativa 24).
Concludendo, le informazioni in nostro possesso indicano che il canone biblico ebraico era già completo intorno al II sec. a.C. nel quale sono definitivamente considerati testi sacri i testi della Tanakh, cioè Torah (leggi toràh, legge), Nevi'im (leggi nevi'ìm, profeti), Ketuvim (leggi ketuvìm, scritti). Questo terzo gruppo di testi in particolare venne definitivamente considerato ispirato, mentre prima vi erano pareri discordanti tra le varie scuole rabbiniche (soprattutto per il Cantico dei Cantici, Qoelet ed Ester). A prescindere dalle varie ipotesi teologico-letterarie che si possono fare, il criterio empirico di base per l'accettazione dei testi come canonici fu la considerazione della lingua di composizione, cioè l'ebraico. Questo criterio però non dovette essere assolutamente risolutivo: il Siracide, sebbene pervenutoci in greco, era scritto originariamente in ebraic ma fu ugualmente considerato non canonico. Per questo testo evidentemente ha giocato un ruolo importante la paternità dell'autore, giudicato allora evidentemente non sufficientemente autorevole.



NOTA SULL’AUTORE


Abraham Shmuelof (1913 – 1994) è stato un ebreo ortodosso convertitosi all’anglicanesimo e poi al cattolicesimo e divenuto quindi prima frate trappista, poi benedettino, poi nuovamente trappista. Originario di Gerusalemme, fu in un ala militare israeliana, e durante la II guerra mondiale combattè con l’esercito britannico. Fatto prigioniero, barattò le sue sigarette per una copia del Nuovo Testamento e cominciò la sua conversione.
Le sue audio incisioni sono state affidate alla congregazione del Carmelo per la devozione di padre Abraham Shmuelof a santa Teresa di Lisieux.




Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

Comments

0 Comments


Sign in | Create a new account

Files

Torrent nameSize
There are too many files to display ???

Trackers

TrackerSeedsPeers
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce 4 years ago210

Share this torrent

2854062